Pio La Torre

Rai Storia. Il 30 aprile 1982 viene assassinato a Palermo Pio La Torre. Si era battuto per l’approvazione della legge che introduceva il reato di associazione mafiosa e la confisca dei beni ai mafiosi. La Legge 13 settembre 1982, n. 646 (Disposizioni in materia di misure di prevenzione di carattere patrimoniale ed integrazioni alle leggi 27 dicembre 1956, n. 1423, 10 febbraio 1962, n. 57 e 31 maggio 1965, n. 575. Istituzione di una commissione parlamentare sul fenomeno della mafia), entrerà in vigore solo dopo la sua morte.

° ° ° ° °

° ° ° ° °

Ciro Cirillo

Rai Storia. Il 27 aprile 1981 a Torre del Greco in provincia di Napoli, le Brigate Rosse sequestrano Ciro Cirillo (1921-2017), assessore all’urbanistica e ai lavori pubblici della regione Campania. La liberazione avvenne in seguito ad una trattativa con i terroristi, la quale fu subito al centro di dure polemiche poiché in molti sostennero che a fare da mediatore sia stato il boss Raffaele Cutolo.

° ° ° ° °

° ° ° ° °

Danni da vaccinazione

La Corte Costituzionale è stata chiamata a pronunciarsi con riguardo al giudizio di legittimità costituzionale dell’art. 1, comma 1, della legge 25 febbraio 1992, n. 210, in materia di “Indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati”, promosso dalla Corte d’Appello di Milano, Sezione Lavoro, con Ordinanza del 20 luglio 2016.

In particolare, la Corte d’Appello di Milano, ha sollevato, in riferimento agli artt. 2, 3 e 32 della Costituzione, questioni di legittimità costituzionale nella parte in cui la norma sopra richiamata non prevede che il diritto all’indennizzo «spetti anche ai soggetti che abbiano subito lesioni e/o infermità, da cui siano derivati danni irreversibili all’integrità psico-fisica, per essere stati sottoposti a vaccinazione non obbligatoria, ma raccomandata, antinfluenzale».

Con alcuni richiami a decisioni precedenti, la Corte Costituzionale ha rimarcato che: «Per quanto concerne più direttamente le vaccinazioni raccomandate, in presenza di diffuse e reiterate campagne di comunicazione a favore dei trattamenti vaccinali, è naturale che si sviluppi un affidamento nei confronti di quanto consigliato dalle autorità sanitarie e ciò rende la scelta individuale di aderire alla raccomandazione di per sé obiettivamente votata alla salvaguardia anche dell’interesse collettivo, al di là delle particolari motivazioni che muovono i singoli».

Perciò, proseguono i giudici delle leggi, la ragione determinante del diritto all’indennizzo «non deriva dall’essersi sottoposti a un trattamento obbligatorio, in quanto tale; essa risiede piuttosto nelle esigenze di solidarietà sociale che si impongono alla collettività, laddove il singolo subisca conseguenze negative per la propria integrità psico-fisica derivanti da un trattamento sanitario (obbligatorio o raccomandato) effettuato anche nell’interesse della collettività.

Per questo, la mancata previsione del diritto all’indennizzo in caso di patologie irreversibili derivanti da determinate vaccinazioni raccomandate si risolve in una lesione degli artt. 2, 3 e 32 Cost., perché le esigenze di solidarietà sociale e di tutela della salute del singolo richiedono che sia la collettività ad accollarsi l’onere del pregiudizio individuale, mentre sarebbe ingiusto consentire che siano i singoli danneggiati a sopportare il costo del beneficio anche collettivo» (cfr. Corte Costituzionale, Sentenza 268/17, decisione del 22/11/2017, deposito del 14/12/2017, pubblicazione in G. U. 20/12/2017).

Il 25 aprile 1945

La Festa della Liberazione, che simbolicamente si celebra il 25 aprile di ogni anno, è dedicata al ricordo delle ultime fasi della Seconda guerra mondiale, ovvero dell’occupazione nazifascista in Italia, la quale, liberazione appunto, non si contemplò nell’unica giornata del 25 aprile 1945. Ebbene, a distanza di decenni da quei tragici eventi, c’è chi comprensibilmente chiede giustizia, e in qualche modo la ottiene pure, o comunque per certi versi può ritenersi ragionevolmente soddisfatto.

Tribunale di Sulmona, Ordinanza ex artt. 702-bis e 702-ter Codice procedura civile, del 2 novembre 2017, sui fatti di causa tra il Comune di Roccaraso, in persona del sindaco pro tempore, ed un numero consistente di cittadini; contro: la Repubblica Federale di Germania.

Con ricorso depositato il 14.01.2015, il Comune di Roccaraso, in persona del sindaco pro tempore più altri, chiedevano al Tribunale di Sulmona di condannare la Repubblica Federale di Germania, nonché, occorrendo, i Ministeri delle Finanze e degli Esteri del detto Stato, al risarcimento dei danni subiti per l’eccidio commesso tra il 16 ed il 21 novembre 1943 dai soldati appartenenti alla XI Compagnia del III Battaglione del I Reggimento della I Divisione paracadutisti, sotto il comando del LXXVI Corpo d’Armata tedesco, ai danni di 128 abitanti della frazione di Pietransieri, nel Comune di Roccaraso (AQ).

Nessuno si costituiva per la Repubblica Federale Tedesca la quale, perciò, veniva dichiarata contumace. Tuttavia, l’Ambasciata tedesca in Italia trasmetteva nota nella quale rappresentava che non avrebbe depositato ulteriori atti nel corso del giudizio, non riconoscendo la giurisdizione italiana in relazione alla causa in oggetto, conformemente a quanto statuito dalla Corte Internazionale di Giustizia con sentenza del 03.02.2012 cui l’Italia aveva l’obbligo di conformarsi allo Statuto delle Nazioni Unite. Continue reading “Il 25 aprile 1945”

Antonio Ingroia

Per Pandora TV, Antonio Ingroia, ex Pubblico Ministero Antimafia a Palermo, colui che insieme a Nino Di Matteo ha dato via alle indagini sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, offre la sua versione alla sentenza del Tribunale di Palermo che ha condannato in primo grado alcuni ex rappresentati dello Stato.

° ° ° ° °

° ° ° ° °

Processo Spada

La giornalista di Repubblica, Federica Angeli, ascoltata in Tribunale come testimone nel processo cosiddetto “Spada più altri”. Si procede per tentato duplice omicidio. Udienza del 19 aprile 2018, Quinta Sezione Penale del Tribunale di Roma.

° ° ° ° °

° ° ° ° °

Multe e punti patente

Premessa alle norme riguardo al caso oggi trattato, multe e punti patente: art. 180 Codice della strada (Possesso dei documenti di circolazione e di guida) e art. 126 bis Codice della strada (Patente a punti). L’art. 180 C.d.S, tra l’altro, sanziona «Chiunque senza giustificato motivo non ottempera all’invito dell’autorità di presentarsi […] ad uffici di polizia per fornire informazioni o esibire documenti ai fini dell’accertamento delle violazioni amministrative previste dal presente codice»; mentre l’art. 126 bis C.d.S, tra l’altro, stabilisce che nel caso di mancata identificazione del conducente quale responsabile della violazione «il proprietario del veicolo […] deve fornire all’organo di polizia che procede […] i dati personali e della patente del conducente al momento della commessa violazione», ma se si omette tale comunicazione, «senza giustificato e documentato motivo», è soggetto a sanzione.

Ebbene, nella vicenda qui in esame, la Corte di Cassazione, confermando le decisioni del merito, ha ritenuto valide le argomentazioni del proprietario di un veicolo il quale, a distanza di tempo, non ha saputo riferire agli organi di Polizia stradale chi fosse alla guida al momento della contestata infrazione al Codice della strada e dunque non vedrà decurtarsi punti dalla patente.

Conclusioni dei giudici di legittimità: «Deve quindi reputarsi che, se resta in ogni caso sanzionabile la condotta di chi semplicemente non ottemperi alla richiesta di comunicazione dei dati personali e della patente del conducente, viceversa laddove la risposta sia stata fornita, ancorché in termini negativi, resta devoluta alla valutazione del giudice di merito la verifica circa l’idoneità delle giustificazioni fornite dall’interessato ad escludere la presunzione di responsabilità che la norma pone a carico del dichiarante. Nel caso di specie il Tribunale, esercitando appunto tale discrezionale potere di apprezzamento in fatto, ha ritenuto di escludere la responsabilità della opponente valorizzando da un lato il decorso del tempo tra la data dell’infrazione contestata e quella della richiesta di informazioni (oltre tre mesi) e, dall’altro, la riferita presenza nel nucleo familiare […] anche di altri soggetti ordinariamente fruitori dell’autovettura, reputando in tal modo giustificata la mancata indicazione del nominativo del conducente» (cfr. Corte di Cassazione, Sezione II Civile, Ordinanza 9555/18; decisa il 27 febbraio 2018; pubblicata il 18 aprile 2018).

Salute e giustizia

Salute e giustizia. A proposito di falsi dentisti e tutela della salute del cittadino, quando si procede per il reato di esercizio abusivo della professione di odontoiatra, è legittimo il sequestro preventivo dello studio dentistico e delle relative attrezzature ed apparecchiature. Nel merito, erano stati considerati elementi posti a fondamento dell’ipotesi di reato sia l’atteggiamento del titolare e delle tre impiegate con funzione di assistenti di poltrona, tutti vestiti con camice verde; sia la struttura dello studio, dotata di tre sale; nonché l’assenza nello studio di un medico odontoiatra abilitato all’esercizio della professione. Sulla base di ciò, la verifica della probabilità di effettiva consumazione del reato non può estendersi fino ad un vero e proprio giudizio di colpevolezza, essendo sufficiente la semplice indicazione di una ipotesi delittuosa in relazione alla quale sussista la necessità di escludere la libera disponibilità della cosa pertinente a quel determinato reato, potendo essa aggravarne o protrarne le conseguenze. Sicché, in tale ottica: «l’assenza di medici odontoiatri all’interno della struttura, la presenza di documentazione fiscale attestante una collaborazione di medici odontoiatri alle attività eseguite nella struttura estremamente modesta rispetto alle dimensioni della stessa, la qualità del ricorrente di socio accomandatario della società titolare dello studio, sono tutte circostanze che, allo stato, sulla base di criteri logico-giuridici di valutazione non manifestamente illogici, possono correttamente essere ritenute quali indizi da cui desumere l’abusivo esercizio di una professione, quella odontoiatrica, per il cui svolgimento è necessaria l’abilitazione statale» (cfr. Corte di Cassazione, Sezione VI Penale, Sentenza n. 13307/18, decisa il 22 febbraio 2018). La foto in alto, a sinistra del testo, è tratta da Google Immagini. Continue reading “Salute e giustizia”

Diritti dell’adottato

L’adottato ha il diritto di conoscere le proprie origini, anche con riferimento alle generalità dei fratelli biologici, ma ai fini della decisione in sede giudiziaria è necessaria l’acquisizione del consenso da parte di questi ultimi, previo l’obbligo di interpello. Nel caso in esame, ad un cittadino italiano, adottato in tenera età, il Tribunale per i minorenni negava, rigettandone l’istanza, l’acquisizione delle generalità delle proprie sorelle biologiche a loro volta adottate da diversa famiglia. Dello stesso avviso è stata la decisione della Corte d’Appello, motivando che legge vigente indica le ipotesi in cui è possibile accedere alle informazioni relative all’identità dei genitori biologici e all’origine dell’adottato, lasciando quindi alla insindacabile valutazione del tribunale se «procede all’audizione delle persone di cui ritenga opportuno l’ascolto», in quanto, sulla base del bilanciamento dei diritti risulta prevalente quello alla riservatezza, tutelato addirittura mediante la previsione del reato in caso di notizia fornita finalizzata a rintracciare un minore nei cui confronti sia stata pronunciata adozione, oppure rivelata in qualsiasi modo circa lo stato di figlio adottivo. Ma di avviso diverso è stata la decisione della Cassazione, che ha deciso di rinviare al giudice del merito la pronuncia impugnata affinché si attenga al seguente principio: «L’adottato ha diritto […] di conoscere le proprie origini accedendo alle informazioni concernenti, non solo l’identità dei propri genitori biologici, ma anche quella delle sorelle e fratelli biologici adulti, previo interpello di questi ultimi mediante procedimento giurisdizionale idoneo ad assicurare la massima riservatezza ed il massimo rispetto della dignità dei soggetti da interpellare, al fine di acquisirne il consenso all’accesso alle informazioni richieste o di constatarne il diniego, da ritenersi impeditivo dell’esercizio del diritto» (cfr. Corte di Cassazione, I Sezione Civile, pubblica udienza del 29.05.2017, Sentenza pubblicata il 20.03.2018).

Un approfondimento a tema è da me trattato sulla rivista “Sociologia Contemporanea”, Pubblicazione n. 02A18 del 12/04/2018 dal titolo: “Le adozioni. Dal diritto alla riservatezza a quello di conoscere le proprie origini”.