Insidie social

Insidie social. Segnalo un contributo in materia di social network e l’uso sconsiderato e illegale che i gestori fanno dei dati personali, molte volte carpiti sulla scorta di una certa superficialità con la quale agiscono gli utenti. Attraverso il link in fondo, è possibile leggere un resoconto offerto dal generale della Guardia di Finanza in congedo Umberto Rapetto, proprio colui che diresse l’indagine sulle slot machine, quella dei 98 miliardi di euro, della quale è possibile trovarne anche un video esplicativo su YouTube. Comunque, tornando all’oggetto di questo contributo, le insidie dei social network, il generale fa riferimento a dati passati di mano per evidenti ragioni commerciali e che riguardano, per esempio, lo stato di salute, le preferenze sessuali, il ruolo prediletto e altri dettagli intimi; inoltre elementi anagrafici o di altro genere, geo-localizzazione, razza o etnia, stato civile o relazioni in atto, altezza, peso, indirizzo email, password per accedere alle applicazioni. Continua a leggere