Le agenzie di investigazione privata

le agenzie di investigazione privataLe agenzie di investigazione privata e gli stessi investigatori privati, ripropongo, specie per gli addetti ai lavori, una decisione giurisprudenziale che ha riguardato una vicenda che in molti hanno definito come una sorta di svolta storica, mentre altri, sempre dal punto di vista del diritto, una inversione di tendenza. Comunque sia, pare ragionevole prestare giusta attenzione a quanto stabilito dalla Corte dei conti, la quale, nel caso in esame, ha dichiarato legittima la decisione presa dal presidente di una società a partecipazione pubblica: «per aver conferito ad un’agenzia investigativa privata l’indagine sulle attività retribuite che un dipendente si sospettava svolgesse durante il periodo di congedo parentale». Visto che, si legge sempre nel documento: «i fatti e le circostanze come esattamente ricostruiti nell’impugnata sentenza conducono ad escludere che la condotta sia stata connotata da colpa grave, dovendo piuttosto ritenersi che l’urgenza nel provvedere abbia indotto il Presidente […] ad utilizzare il mezzo che appariva attendibilmente più idoneo, anche per la prevedibile maggiore rapidità d’intervento, a disvelare il comportamento del dipendente sospettato di svolgere attività retribuita presso terzi nel periodo di congedo parentale concessogli». E che: «In ordine alla connotazione della condotta ha valenza significativa dell’assenza della colpa grave anche la circostanza che l’appellante abbia assunto ogni iniziativa idonea a far gravare sull’impiegato infedele la spesa sostenuta […] per portare alla luce la violazione degli obblighi di servizio» (cfr. Corte dei Conti, II Sezione giurisdizionale centrale d’appello, Sentenza 15 ottobre 2015, deposito del 22 gennaio 2016). In buna sostanza era stata sollevata la questione per la quale una pubblica amministrazione non potesse servirsi di investigatori privati financo dipendenti di agenzie di investigazione privata per questo tipo di attività, cioè per accertare il corretto comportamento di un dipendente per presunte violazioni concernenti le assenze dal lavoro durante la fruizione del cosiddetto congedo parentale. Non solo quindi un riconoscimento pieno riguardo alla legittimità della scelta operata dal presidente della società a partecipazione pubblica, ma anche il riconoscimento degli onorari difensivi spettanti al medesimo appellante per i gradi di giudizio affrontati (le agenzie di investigazione privata). È bene sapere che la Corte dei Conti ha sempre svolto sin dalla legge istitutiva 14 agosto 1862 n. 800 funzioni giurisdizionali, in materia di giudizi di conto e di responsabilità dei contabili ed altri agenti pubblici per i valori perduti per loro colpa e negligenza. La Costituzione della Repubblica, all’art. 103, dopo ampio dibattito in sede di Assemblea costituente, ha mantenuto l’attribuzione alla Corte dei conti sia delle funzioni di controllo che di quelle giurisdizionali.

error: !!! Contenuto protetto !!!