Conflitto Stato Regioni

conflitto Stato RegioniUn titolo a mio avviso non affatto azzardato, conflitto Stato Regioni, se si pensa come l’emergenza sanitaria scaturita dalla pandemia legata al Covi-19 abbia ancor più rimarcato il divario di vedute tra la politica statale e quella locale. Che da questo punto di vista sembra proprio intravedere una sospetta interpretazione della Costituzione nella parte in cui, per esempio, stabilisce che “la potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione”, (art. 117 Cost.); oppure, che “le funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni salvo che, per assicurarne l’esercizio unitario, siano conferite a Province, Città metropolitane, Regioni e Stato, sulla base dei principi di sussidiarietà, differenziazione ed adeguatezza” (art. 118 Cost.); ed infine, che “il Governo può sostituirsi a organi delle Regioni, delle Città metropolitane, delle Province e dei Comuni nel caso di mancato rispetto di norme e trattati internazionali o della normativa comunitaria oppure di pericolo grave per l’incolumità e la sicurezza pubblica” (art. 120 Cost.).

Leggi tuttoConflitto Stato Regioni

Discriminazione

discriminazione e libera opinioneLa recente decisione della Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) mi ha dato spunto per ritornare sulla dicotomia tra non discriminazione e libera opinione, entrambe fattispecie destinatarie di tutela giuridica dal punto di vista dei diritti fondamentali della persona. Sicché, nel caso oggi in esame, la questione ha riguardato la domanda di pronuncia pregiudiziale in merito all’interpretazione degli articoli 2, 3 e 9 della direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, con riferimento a delle dichiarazioni pronunciate da un professionista nel corso di una trasmissione radiofonica, secondo le quali egli manifestava non avvalersi della collaborazione di persone omosessuali.

Leggi tuttoDiscriminazione

Libero pensiero

libero pensieroLa manifestazione del libero pensiero è uno dei fondamentali diritti garantiti dalla Costituzione. Come scrissi qualche anno fa – in una mia pubblicazione dal titolo “I social network: tra comunicazione, interazione sociale e i limiti di manifestazione del proprio pensiero”, in “La reputazione in bilico. Rete e collasso dei contesti”, Morlacchi Editore –, è sempre coinvolgente trattare il tema in oggetto, specie se tenuto in considerazione con quanto stabilito, non a caso, dall’articolo 21 della Costituzione, e cioè: «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione».

Leggi tuttoLibero pensiero

Emergenza sanitaria

emergenza sanitariaIn questo periodo di emergenza sanitaria correlata al Covid-19 si legge ed ascolta un po’ di tutto, tra carta stampata e online, social network, talk show e altre discutibili trasmissioni, specie da quando il Governo ha adottato tutta una serie di restrizioni di movimento delle persone per, appunto, una minore possibilità di trasmissione del virus. Da tal momento, oltre a improvvisati epidemiologi, infettivologi eccetera, si sono aggiunte altre categorie di improbabili esperti adducendo non si comprende bene quali violazioni di carattere costituzionale.

Leggi tuttoEmergenza sanitaria

error: !!! Contenuto protetto !!!