Stato di salute e regime detentivo

salute e regime detentivoCon riguardo allo stato di salute e regime detentivo, non sempre la richiesta avanzata dal condannato e mirata ad ottenere la detenzione domiciliare ha esito favorevole, seppur di fronte ad una condizione di salute compromessa. Nel caso oggi in esame, la condizione di salute di un detenuto affetto da importante patologia oftalmica è stata dichiarata gestibile nell’ambito intramurario previa idonea allocazione presso un istituto dotato di opportuni presidi terapeutici. Ripercorrendo le ragioni del ricorso del condannato, nell’unico motivo addotto, dopo aver richiamato la complessità del suo stato clinico, denunciando violazione di legge e vizio di motivazione adottata dal Tribunale di sorveglianza, ha contestato la valutazione di compatibilità con lo stato di salute e regime detentivo meramente astratta sentenziata dall’organo collegiale senza che questo abbia tenuto conto la già accertata insufficienza della risposta terapeutica nell’istituto penitenziario ove ristretto, nonché senza che il collegio abbia proceduto al necessario bilanciamento tra i profili di indefettibilità dell’esecuzione e del principio di umanità della pena stessa.

Ebbene, richiamando copiosa giurisprudenza di legittimità, riguardo lo salute e regime detentivo, la Suprema Corte ha invece ribadito il principio per cui ai fini del differimento facoltativo della pena detentiva o della detenzione domiciliare è «necessario che la malattia da cui è affetto il condannato sia grave, cioè tale da porre in pericolo la vita o da provocare rilevanti conseguenze dannose e, comunque, da esigere un trattamento che non si possa facilmente attuare nello stato di detenzione, dovendosi in proposito operare un bilanciamento tra l’interesse del condannato ad essere adeguatamente curato e le esigenze di sicurezza della collettività». Sicché, l’ordinanza impugnata non solo non si è discostata dai principi appena richiamati, ma ha anche tenuto scrupolosamente conto del quadro sanitario ricostruito attraverso la disposizione di adeguata perizia medico legale che ne ha in qualche modo messo in luce l’assenza dei necessari presupposti di legge. Tant’è, non è emerso che tale stato di salute accertato contrasti con l’espiazione della pena detentiva o con il senso di umanità, entrambi costituzionalmente garantiti, poiché non sono state evidenziate malattie organiche tali da porre in pericolo la vita il detenuto o da «provocare conseguenze dannose scongiurabili solo mediante cure praticabili esclusivamente in ambito extramurario, né l’espiazione della pena appare offendere, per le eccessive sofferenze, la dignità umana, così da privare la pena di significato rieducativo» (cfr. Corte di Cassazione, Sez. I Penale, Sentenza 477/21).

Salute e carcere

salute e carcereSalute e carcere è un titolo per certi versi, forse, provocatorio, perché se è vero che il diritto alla salute sancito dall’art. 32 Cost. riguarda la genericità degli individui, ovvero senza distinzione per razza, appartenenza, status sociale, orientamento di qualsivoglia natura, eccetera, è altrettanto vero che quando la questione riguarda le persone private della libertà personale, financo per aver commesso il più efferato dei crimini, allora tutto si complica: sia per le difficoltà implicite allo status detentivo dei soggetti interessati, sia perché palesare certi argomenti ad una società civile che anch’essa fatica ad avere adeguato accesso alla sanità pubblica è, dal mio punto di vista, ancora più difficile e complesso. Perciò, anche per queste ragioni, credo che prima di trattare il caso che segue è opportuno ri-puntualizzare, come già fatto in passato, che quando si affrontano temi dell’ambito penitenziario l’invito è cercare di leggerli con una chiave interpretativa più ampia rispetto a quella squisitamente giuridica, nel senso che concetti come esemplarità del comportamento detentivo, misure alternative alla detenzione e basso tasso di recidiva assumono un valore tanto alto quanto più la società stessa, quella estranea a certi discorsi, sia in grado di cogliere l’importanza del processo rieducativo e di risocializzazione del condannato, appunto finalizzato ad un corretto reinserimento sociale, ovvero restituire alla società una persona ragionevolmente migliore rispetto al passato, che ulteriormente tradotto significa più sicurezza. Pare evidente quindi che in un certo tipo di approccio al tema salute e carcere non possono trovare spazio cosiddette frasi fatte, volgari semplificazioni, propalazioni di basso livello tipiche nei social network o altro del genere. Ebbene, il caso qui in esame riguarda un detenuto che ha chiesto l’autorizzazione di farsi visitare all’interno dell’istituto penitenziario, a proprie spese, da due suoi medici di fiducia. Il giudice di prime cure respingeva la richiesta sul rilievo che, a prescindere, la visita medica a spese del detenuto «non può rappresentare una pretesa». Ma di tutt’altro avviso è stata la decisione dei giudici di legittimità, per cui, richiamando le recenti modifiche alla norma in materia di Ordinamento penitenziario, essa: «trova il suo sostegno più importante nel riconoscimento costituzionale del diritto alla salute come diritto fondamentale dell’individuo ed in questa prospettiva giuridica deve essere letta ed interpretata». Pertanto: «i detenuti e gli internati possono chiedere di essere visitati a proprie spese da un medico di fiducia senza che ricorrano limiti o condizioni, se non la necessità di curarsi, necessità che presuppone l’accertamento sanitario delle proprie condizioni. Soltanto ed esclusivamente per gli imputati, ovverosia per i detenuti per i quali pende il processo, la norma richiede l’autorizzazione del giudice che procede (…) e questo all’evidente finalità non già di sindacare in qualche modo l’iniziativa individuale di sottoporsi a visita e cura, ma all’esclusivo fine di delibare (…) se l’iniziativa dell’imputato possa in qualche modo avere incidenza negativa sugli accertamenti processuali in corso» (cfr. Corte di Cassazione, Sez. IV Pen. Sent. 27499/19).

error: !!! Contenuto protetto !!!