Archivi tag: diritti

Dei diritti e delle libertà individuali

dei diritti e delle libertà individualiA proposito dei diritti e delle libertà individuali, forse non tutto il mondo cattolico condivide le dichiarazione dei giorni scorsi rese da Papa Francesco sul concetto di dare copertura legale alle unioni omosessuali. Come scritto da diverse fonti giornalistiche, una fra tutte il quotidiano “Avvenire”: «Gli omosessuali sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo. Ciò che dobbiamo creare è una legge di convivenza civile. In questo modo sono coperti legalmente. Mi sono battuto per questo». Tuttavia, se si riflette in generale sul concetto dei diritti e delle libertà individuali, l’invito del Pontefice sembra assumere un carattere universale, dunque non necessariamente riferito solo all’Italia.

Ebbene, colgo queste autorevoli parole proponendo oggi una recente decisione della Corte Costituzionale, diffusa attraverso un comunicato stampa ufficiale, su una questione diversa ma in qualche maniera a mio avviso affine. Infatti, il supremo consesso, analizzando l’ordinanza del Tribunale di Venezia in merito alla legge sulle unioni civili e il decreto sugli atti dello stato civile, specie alla «preclusione della formazione di un atto di nascita in cui vengano indicati come genitori due donne tra loro unite civilmente», ha stabilito che «il riconoscimento dello status di genitore alla cosiddetta madre intenzionale – all’interno di un rapporto tra due donne unite civilmente – non risponde a un precetto costituzionale ma comporta una scelta di così alta discrezionalità da essere per ciò stesso riservata al legislatore, quale interprete del sentire della collettività nazionale».

Sicché, con riferimento a temi così eticamente sensibili, i quali, appunto, aggiungo, riguardano da vicino la sfera dei diritti e delle libertà individuali, anche in relazione del mutato contesto sociale, spetta al legislatore «ponderare gli interessi e i valori in gioco, tenendo conto degli orientamenti maggiormente diffusi nel tessuto sociale in un determinato momento storico» e che «la protezione del miglior interesse del minore in simili situazioni – oggi affidata dalla giurisprudenza all’attuale disciplina sull’adozione in casi particolari – può essere assicurata attraverso varie soluzioni, tutte compatibili con la Costituzione, che spetta sempre al legislatore individuare». La sentenza sarà depositata nelle settimane a seguire.

Libertà di culto

libertà di cultoLa Costituzione sulla libertà di culto e il diritto di disporre di spazi adeguati al fine di poterla concretamente esercitare. Questo è il tema della decisione della Corte Costituzionale con riferimento alla disciplina urbanistica della Lombardia, Legge regionale n. 2 del 2015, dichiarata incostituzionale, tenuto conto che «l’apertura di un luogo di culto non differisce dalla realizzazione di altri luoghi di aggregazione sociale, quali scuole, centri culturali, case di cura, palestre (…) per tali strutture, tuttavia, non sarebbe prevista analoga rigida programmazione comunale. Il differente trattamento previsto dalla legge regionale per le attrezzature religiose sarebbe del tutto ingiustificato e discriminatorio, rispetto a quello riservato ad altre attrezzature comunque destinate alla fruizione pubblica, potenzialmente idonee a generare un impatto analogo, o persino maggiore, nel contesto urbanistico». Tuttavia, prima di proseguire con l’illustrazione delle motivazioni della sentenza, pare opportuno un richiamo al dettato costituzionale, innanzitutto con riferimento all’art. 8 Cost., per cui “Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano”; poi con l’art. 19 Cost., cioè a dire che “Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume”. Continua la lettura di Libertà di culto