Delitti e pena

Dei delitti contro la fede pubblica (delitti e pena). Articolo 490 Codice penale (Soppressione, distruzione e occultamento di atti veri). È punito «Chiunque, in tutto o in parte, distrugge, sopprime od occulta un atto pubblico vero o, al fine di recare a sé o ad altri un vantaggio o di recare ad altri un danno, distrugge, sopprime od occulta un testamento olografo, una cambiale o un altro titolo di credito trasmissibile per girata o al portatore veri». Ebbene, rientra in tale fattispecie delittuosa anche «la condotta di distruzione, soppressione od occultamento delle targhe di un autoveicolo poiché queste costituiscono certificazioni amministrative, trattandosi di documenti che attestano la immatricolazione e l’iscrizione al pubblico registro automobilistico». Tuttavia, nel caso specifico, in sede di merito andava valutata, giacché espressamente richiesto dall’imputato, l’applicazione della «disciplina della particolare tenuità del fatto e, a fronte di un caso per il quale la applicazione in concreto non poteva ritenersi di per sé esclusa, non poteva omettersi del tutto la risposta. Va quindi disposto il rinvio al giudice di appello perché proceda all’esame della richiesta di assoluzione per particolare tenuità del fatto» (cfr. Corte di Cassazione, Sezione VI Penale, Sentenza n. 9013/18; udienza del 04.01.2018; deposito del 27.02.2018).

Riproduzione Consentita (Italian Open Data License).

error: !!! Contenuto protetto !!!